Altre pagine

Cerca nel blog

martedì 24 agosto 2010

Curiosità di fine vacanze

Di ritorno dalle ferie, per non stare troppo dietro alla squallida situazione politica e (dopo aver dato un contributo ad "Agire") a quella tragica del Pakistan, mi metto a "spigolare" tra le notizie di fine estate. Ne trovo alcune che sono davvero interessanti. Non necessariamente buone o cattive, però. Eccole, in ordine alfabetico.
Amara. La prima proviene dal quotidiano 'La Repubblica', il quale ci informa che, tra maggio e luglio scorsi, un emendamento al "Decreto incentivi" (il solito calderone nel quale la maggioranza aveva infilato di tutto) sembrerebbe, ai soliti maliziosi in mala fede, un salvataggio della Mondadori dal rischio di sanzione per un peccatuccio di evasione fiscale risalente ai primi anni '90, e ancora in corso di definizione dopo due gradi di giudizio. Ora il decreto (DDL 40) è legge e, ognuno la veda come vuole, Mondadori pagherà circa otto milioni e mezzo di Euro contro il rischio di pagarne 300 se il terzo grado di giudizio fosse sfavorevole. Si tratta di una vicenda interessante per spiegare come funziona il parlamento attualmente: vi sono stati ben tre tentativi di infilare l'emendamento sulla "definizione agevolata delle liti tributarie" dal 2008 al maggio scorso, e ora è fatta.
Brillante. Apprendo da La Repubblica dell'esistenza di una specie di Guida americana per negri (sic) in automobile (Green Book for Negro Motorists),
che è stata pubblicata nel paese più democratico del mondo (!?) dal '37 al '64, anno in cui negli States è terminato ufficialmente l'Apartheid (be', per lo meno riconosciamo che hanno fatto prima del Sudafrica...). Il suo significato stava nel problema dei turisti "abbronzati", come direbbe un noto politico italiano, di trovare, nella nazione che tutti citano per democrazia e libertà, un albergo, un ristorante o un locale di qualunque genere dove essere ammessi e non sbattuti fuori o addirittura percossi e, magari, appesi a una croce fiammeggiante.
Curiosa. Sul sito de Il Giornale, il menu sotto il titolo, dove abitualmente vi sono le sezioni tipo "Esteri", Giustizia", "Cronaca", eccetera, troviamo una voce "Poker"! Seguendola, si arriva a una pagina dove, accanto a scarne notizie sui tornei di poker, si propagandano lezioni di poker con l'acquisto del quotidiano e si ospita la pubblicità di numerosi siti dedicati al poker online. Quando si è a corto di quattrini, anche il poker può servire...
Divertente/tardiva. Un'altra perla proviene dal periodico online della Fondazione Farefuturo, creatura di Gianfranco Fini e, probabilmente, dicono gli esperti, palcoscenico e laboratorio per un nuovo partito politico di destra alternativo al PdL. Vi si legge una storiella di fantapolitica intitolata: "Lui, il popolo e la libertà", che se non fossimo poco attenti e di memoria corta ci ricorderebbe qualcuno del quale mi sfugge il nome (che del resto non viene mai fatto nella storiella). La storiella parla di un personaggio curioso che fonda un partito libero e liberale, casa di tutti gli italiani liberi e democratici. Poi però piano piano si scopre che l'inno del partito contiene esplicitamente il suo nome, che chi non obbedisce viene messo alla porta e chi esprime opinioni diverse tradisce la fiducia degli elettori.

Nessun commento:

Posta un commento

Per favore, non usare toni e linguaggio che non ti piacerebbe se fosse visibile sul tuo blog o diario e che ti darebbe fastidio se venisse usato da altri con te.

Chi lo segue